venerdì 16 settembre 2011

Lode a Lilith-Damkina

LODE A LILITH-DAMKINA
COLEI CHE PORTÒ, ELEVÒ ED AMÒ LA PRIMA DONNA UMANA


È tempo di fare chiarezza una volta per tutte sulle innumerevoli stupidaggini elencate su Internet, in particolar modo su Wikipedia, dove il personaggio di "Lilith" viene considerato come un insieme di malvagità, immoralità e lussuria. Questo approccio profondamente offensivo ed ingiusto, non è altro che l'ennesima manipolazione da parte di Anu e dei suoi rettiliani.

LILITH E' LA DONNA DI ENKI.
LILITH E' DAMKINA.
LILITH E' NINKI.
PORTÒ CON AMORE LA PRIMA DONNA UMANA NEL SUO SACRO VENTRE, 
LA EDUCÒ E LA AMÒ PROFONDAMENTE.

DAMKINA detta "Lilith" ed il potente simbolo della KUNDALINI 
dipinta da Hon John Collier - Un pittore grandemente ispirato...

Colpire la sua integrità, decretarla come esempio assoluto di lussuria e depravazione, dimostra quanto il nemico anuista odia LA DONNA, sia essa dea o umana, avente un solo ed unico scopo: la sua SOTTOMISSIONE. 

Ecco perché in tutti i sedicenti libri "rivelati" (in realtà fabbricati dai rettili) la donna, in nome di "dio" (Anu), deve essere sottomessa all'uomo, obbediente, ridotta allo stato di domestica e soprammobile.

Quando Enki si rifiutò di ubbidire agli ordini di suo "padre", il quale gli intimava per l'ultima volta di "distruggere definitivamente la razza umana maledetta", Damkina si schierò con decisione al suo fianco. 
Affrontò Anu e espresse un NO! memorabile. Non avrebbe mai tradito Enki. E nemmeno la razza umana.

Da allora Damkina diventò Lilith, la maligna, la trasgreditrice, "colei che disse no a Dio". Sì, divenne le "tenebre", la sposa di "Samaël", il serpente cattivo!

I Rettiliani le affibbiarono i difetti più spaventosi, compreso quello di "divorare bambini", il colmo per una dea che si dedicò alla Donna Umana, arrivando perfino a portare Ti-Amat, la prima donna sapiens, nel proprio ventre.

(La dea Ninoursag, sorellastra di Enki, portò in grembo il primo uomo umano. Lode anche a lei per questo.)

Tutti i nostri Dei furono ridicolizzati, diffamati, insultati. I Rettiliani gli attribuirono la loro cattiveria, la loro crudeltà, i loro sacrifici di bambini e di animali, in una parola, tutte le loro sporcizie immonde.

Ma furono Enki, Amon-Râ e Lilith a subire gli attacchi più furiosi.

Comprenderete meglio, probabilmente, perché oramai Marduk-Amon-Râ fu diffamato così tanto, accusato anch'egli di tutti i mali, ivi compreso quello, vergognoso!, di volere distruggere la razza umana, quando invece passò millenni ad istruirla!!!

MARDUK E' IL FIGLIO DI ENKI E DI DAMKINA, 
OVVERO DI ENKI E DI LILITH.
AGLI OCCHI DI ANU DUE "TARE" IMPERDONABILI.

La condizione della Donna sulla Terra fà arrabbiare Lilith. Quando gli Dei "camminavano sulla Terra", era la dea protettrice della Donna Umana e si è sempre battuta per il rispetto assoluto dei suoi diritti. Adesso che gli Dei si apprestano a riprendersi il pianeta, otterrà di nuovo questo ruolo che le stà tanto a cuore.
Difatti la Donna, da quando gli Dei si trovavano quaggiù, aveva accesso alla stessa conoscenza degli uomini e svolgeva molte funzioni di alto livello. Intelligente, istruita, creativa, avente in più più l'intuizione e la sensibilità, la Donna incarnava LA Musa.

(la Donna (Yin) È E' la parte destra del cervello)

Enki ha sempre amato LA Donna. Non solamente a livello sessuale. Ma per ciò che è, per ciò che dà, per la forza che incarna in una coppia o nella sua vita personale. Ama le sue qualità, la sua bellezza, i suoi doni. 

Enki lo dice spesso: niente è più bello di una donna.

Anu, la cui unica preoccupazione è far soffrire Enki, non ha mai smesso di saccheggiare tutto ciò che suo figlio amava: gli Uomini, la Terra, gli Animali, le Civiltà, la Conoscenza, la Bellezza, l'Amore,... e la Reputazione della sua tanto amata donna.

Immaginate allora quanto può essere doloroso, per una coppia di questa tempra, constatare lo stato della donna umana odierna: sottomessa, schiava, velata, maltrattata, violata, asportata, infibulata, marchiata, ignorata, disprezzata, sottopagata! Tentatrice, seduttrice, donna fatale, la Donna è il MALE. 

Da qui la favola di una Eva in combutta col "Serpente e la sua mela", che inganna e manipola Adamo! 
Del resto per alcuni il serpente sarebbe Lilith stessa!

Conosciamo oggi la simbologia occulta della Mela. Inoltre, questa scena del "paradiso" non è mai esistita in quanto tale. Fu scritta dai Rettiliani nella Bibbia sotto ordine di Anu, allo stesso modo nel Corano, per attaccare Lilith tramite la "sua sporca razza di femmine umane".
E naturalmente quando le menzogne e i doppi-giocchi si svelano, allora spunta la "mela" ed il suo brutto serpente! Lavaggio del cervello e messaggi subliminali!

Lilith ha ispirato tutte le leggi che mirano a liberare la donna dalla gogna degli uomini sapientemente corrotti da Anu, dagli usi e costumi degradanti e soprattutto dalla colpevolizzazione esagerata gettata sul corpo femminile dalla Bibbia, dal Corano e da tutto il resto. E' alla religione e alle sue immonde sciocchezze che dobbiamo l'avvilimento del sesso femminile, il suo deprezzamento, la sua umiliazione, la sua monetazione, la sua perversione. 
Lilith, come il suo amato Enki, vuole che la Donna sia veramente libera delle sue scelte, delle sue credenze, sia nel suo corpo che nel suo cuore.
Sostenitrice del controllo delle nascite e dell'aborto, se è la donna a volerlo, Lilith si batte per una Umanità degna di suo Padre e Dio Creatore ENKI, piena di gioie, di danze e di feste, avente soprattutto il diritto di vivere per la Donna secondo la sua natura profonda, non schiavizzata e sottomessa, buona solo a procreare o a sacrificarsi.

Ti-Amat, primo uomo sapiens, stette per più di 9 mesi nel ventre di Lilith.
Questo feto, profondamente impregnato delle sensazioni, delle emozioni, dei sentimenti della nostra Madre Lilith-Damkina, assorbì anche del suo potere, della sua volontà, della sua capacità ad affrontare i problemi e del suo amore per i piaceri sani.
Da Ti-Amat discesero le due umane con cui Enki si accoppiò, generando 
direttamente così i Sapiens-Sapiens: noi.
Ti-Amat lasciò in eredità un pò di Lilith in ogni donna umana. Un pò della sua bellezza, della sua sensualità, un pò del suo coraggio, del sua lato "amazzone". Perché Lilith è una Guerriera.
Enki è Shiva? Lilith allora è Parvati la dolce, l'amante.


Ella è soprattutto la Grande Madre DEVI (o ancora Durga, che significa "l'invincibile") adorata e riverita in tutta l'India ancora oggi. È la più vecchia divinità del pantheon indiano.

LILITH QUI IN DURGA, L'INVINCIBILE.
Notate il leone, che è anche uno degli animali-simbolo di suo figlio maggiore, Marduk. 
Il suo secondo figlio è Horus, altro grande dio solare.

Ma se si attenta a coloro che ama o all'innocente ed il giusto, e Lilith/Devi/Durga/Parvati si trasforma in Kali, la temibile. Ed il leone diventa una tigre.

(Kali che, come per coincidenza, in sanscrito significa "scuro", "nero." Questo fa capire che Anu non si è scervellato più di tanto quando l'ha soprannominata "Lilith").

Pittura di Kali di cui non conosco l'autore. Se qualcuno dovesse saperlo, mi contatti.


La capacità di reazione di Kali, la sua forza distruttiva contro il Male è percepita dagli Indù come una grande protezione. Sanno di poter contare su di Lei, sulla sua forza ed il suo coraggio. Si dice anche che Kali abbia per unico vestito l'universo.

Sì, Lilith è la nostra Madre, la nostra Grande Madre. Ha nutrito il nostro DNA originario di tutto ciò che siamo ancora oggi: gatta e tigressa, amante e combattente, comprensiva e dura... certo, solo la Donna poteva partorire.
Perché il bambino, generazione dopo generazione, ricorda all'inconscio collettivo dell'umanità che molto tempo fa, un Essere fuori dal comune disceso dai Cieli sulla Terra ha creato la Donna Umana. E che la sua sposa, dea dal grande cuore, portò questo piccolo essere con tanto amore che ancora oggi, negli occhi di ogni bambino, vibrano le vere origini dell'umanità.
Questa è la storia occulta che Anu vuole soffocare ad ogni costo.
Ma la Verità si rivelerà sempre poiché ha, per nomi eterni, quelli dei nostri veri Genitori: ENKI E LILITH.


AVE ENKI! AVE LILITH!
GLORIA AL VOSTRO AMORE PER NOI!

Nessun commento:

Posta un commento